Scelte architettoniche

Sull’area liberata dell’ex macello comunale, prospiciente l’edificio già esistente del CRIT – Polo per l’Innovazione Digitale di Cremona, un nuovo complesso, progettato dagli architetti Ezio Gozzetti e Maurizio Ori, si affiancherà specularmente a quello già esistente e ne rappresenterà l’ideale prosecuzione e sviluppo, diventandone parte integrante e complementare.

Muovendo i passi dai riferimenti tipologico-costruttivi della città di Cremona – il “Palazzo”, l’androne, la corte centrale, il giardino, il fondale paesaggistico – l’idea progettuale propone la sequenza degli spazi come peculiarità del nuovo paesaggio e del nuovo edificio. La volontà è dare forma a un gradiente morfologico, spaziale e urbanistico in grado di riprodurre l’effetto della città, determinando isolati urbani. Si tratta di una strategia che affida allo spazio aperto la funzione di connettere tali isolati, andando a declinare diversi “episodi” ambientali che garantiscono la permeabilità tanto longitudinale quanto trasversale dei lotti, alla luce di un disegno che aspira a garantire continuità per la creazione di un campus tecnologico. Tale continuità tra gli spazi è garantita dalle relazioni visive, secondo una sequenza che coinvolge parco eco-tecnologico, corte/androne del nuovo edificio-ponte ed edificio esistente.

 

Il nuovo edificio sarà costruito lungo l’asse longitudinale del lotto, in posizione baricentrica, in modo da consentire la formazione di parcheggi e aree a verde, quest’ultimo elemento progettuale ritenuto fondamentale, al punto da essere ripreso sia per le facciate che utilizzato in copertura ed in grado di arricchire il linguaggio architettonico adottato.

Sarà costituito da 4 piani fuori terra, con una superficie lorda di pavimento di circa 10.000 metri quadrati.

Il nuovo edificio si articola intorno a cavedi/corti e roof garden, posizionati a quote differenti, che garantiscono un appropriato apporto luminoso per gli ambienti interni e, allo stesso tempo, diventano occasione per dare vita a complessi rapporti di visibilità tra lo spazio del lavoro e lo spazio della transizione. Il cortile/androne si propone come luogo di relazione e scambio, in grado di ospitare zone showroom per “prodotti” e servizi tecnologico-digitali per una Smart Land.

Al suo interno troveranno spazio unità di varia metratura, servite da 4 vani scala con i relativi ascensori. La struttura principale dell’edificio sarà di tipo “prefabbricata” in cemento armato.

Tale struttura è rivestita e le facciate sono caratterizzate da pannelli in acciaio e altro, con linguaggio architettonico differenziato per ogni lato, secondo la necessità di protezione solare e di rappresentatività architettonica.

Per le facciate est e ovest sono stati impiegati pannelli con motivo “QR code” identificativo dello stesso edificio, esito di un processo di reinterpretazione, in chiave tecnologica, dell’apparecchiatura muraria a gelosia, tipica dell’area padana. Questi pannelli saranno trattati con vernice fotocatalitica in grado di neutralizzare gli elementi inquinanti presenti nell’aria.

Particolare attenzione è stata rivolta allo studio delle aperture, con l’obiettivo di ottimizzare il benessere degli utenti. Rispetto alla finestra a nastro, modularmente ripetuta e tipica degli edifici per uffici, si propongono variazioni. Gli elementi modulari sono raddoppiati e accorpati; si introducono le finestre-paesaggio, vero e proprio dispositivo architettonico per incorniciare il verde e lo spazio esterno. Attraverso l’assimilazione interna di ciò che è esterno si tenta di risolvere il rapporto tra architettura e paesaggio, quest’ultimo inteso come elemento di qualità e comfort psico-visivo.

Diagrammi

Richiedi una visita

Lascia un messaggio, verrai ricontattato

    Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.